Roma, chi ha pestato e ridotto in coma Hasib Omerovic? La famiglia non ha dubbi: “è stata la polizia”

Conferenza stampa alla Camera

Lo scorso 25 luglio, alle case popolari del quartiere Primavalle, Roma: chi ha pestato e ridotto in coma Hasib? E’ la domanda – denuncia fatta dalla famiglia del 36enne  Hasib Omerovic, durante una conferenza stampa alla Camera dei Deputati, tenutasi ieri mattina assieme al deputato (+Europa – Radicali) Riccardo Magiall’associazione 21 Luglio, che ha anche aperto una raccolta firme online per ottenere “Verità per Hasib”.

I famigliari non hanno dubbi su quello che è accaduto durante una perquisizione poliziesca (in borghese, di quattro agenti) alla presenza anche della sorella, affetta da disabilità. La madre, Fatima Sejdovic,citando la sua testimonianza, ha spiegato: “Gli agenti hannoforzato la porta. Lo hanno picchiato con il bastone, e’ caduto e hanno iniziato a dargli i calci – ha riferito la sorella – e’ scappato in camera e si e’ chiuso, loro hanno rotto la porta, gli hanno dato pugni e calci e lo hanno preso dai piedi e lo hanno buttato giù”, con un volo di nove metri, fino al selciato.

Portato al Policlinico Gemelli. Hasib è ancora oggi – a quasi due mesi di distanza – in gravi condizioni.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest