Ballottaggio a Napoli: appello al voto per de Magistris da lavoratori, precari e sindacalisti

Tra i firmatari Gianni Nughes, segretario generale Filcams Cgil, Napoli; Maria Vitolo, segretaria Filcams Cgil, Napoli: “l’amministrazione ha difeso tutti i posti di lavoro, le partecipate in crisi sono state salvate”

“Siamo donne e uomini variamente impegnati nel mondo del lavoro: operai, insegnanti, ricercatori, precari, disoccupati, militanti e dirigenti sindacali. Nel ballottaggio di domenica 19 giugno scenderemo in campo, senza alcun indugio e senza inaccettabili neutralità, contro il candidato del centro destra per sostenere Luigi de Magistris e non disperdere l’esperienza cresciuta in questi anni al governo della città di Napoli”. Comincia così l’appello del mondo del lavoro e sindacale per il sindaco uscente. “Voteremo per rinnovare il mandato di Sindaco a Luigi de Magistris perché  – afferma la nota – l’esperienza napoletana è davvero un laboratorio: l’amministrazione ha difeso tutti i posti di lavoro, contrariamente a quanto accade anche a pochi chilometri di distanza, le partecipate in crisi sono state salvate, rese più efficienti ed in questo modo si è difesa l’occupazione. Il Sindaco è sceso in campo, con decisione, per contrastare la scelte di abbandono del territorio da parte di aziende fondamentali, come Finmeccanica o Almaviva, o per ribadire che Napoli per il Governo non può essere una passerella, che deve essere, invece, il volano della ripresa dell’intero Sud e, con esso, del Paese. Luigi de Magistris si è schierato per una stagione di diritti nel lavoro, nella scuola, nel sociale e nell’ambiente. Questo fa la differenza. Senza sviluppo la città non cresce e se non cresce Napoli tutto il Sud continua a rimanere distante da condizioni economiche accettabili”.

 

“Occorre sostenere il turismo, il commercio, l’agricoltura ma – prosegue l’appello –  senza un’idea di presenza industriale, rafforzamento dell’artigianato, crescita dei settori di eccellenza non si creeranno condizioni di uscita dalla crisi e proseguirà una fase nella quale continueremo a patire politiche di esclusione della nostra città e di interi territori. Un progetto strategico sul lavoro a Napoli e nell’area metropolitana deve puntare sul porto, che per condizioni strutturali, può diventare effettivamente il principale punto di riferimento del Mediterraneo; sul settore aereospaziale per i suoi forti legami con l’università e per la possibilità di assorbire un numero considerevole di giovani; sulla mobilità cittadina e metropolitana per l’utilità che ciò comporta per i cittadini; sui temi connessi all’ambiente per gli indiscutibili legami con la vivibilità dell’intera città e per le ricadute positive sul versante della ricerca; su turismo e beni culturali come settore anticiclico e di sviluppo forti anche della straordinaria presenza che è stata conquistata negli ultimi anni. Queste idee con Luigi de Magistris si possono realizzare. Per queste ragioni e con queste proposte, che intendiamo far vivere anche dopo il voto, noi domenica 19 giugno 2016 voteremo – ed inviatiamo a votare – per la rielezione di Luigi de Magistris a Sindaco di Napoli”.

 

 

I FIRMATARI DELL’APPELLO – Primi firmatari Gianni Nughes, segretario generale Filcams Cgil, Napoli; Maria Vitolo, segretaria Filcams Cgil, Napoli; Susy Cacace, delegata Napoli Servizi; Andrea Amendola, segretario generale Fiom Cgil regionale; Francesco Percuoco, segreteria Fiom Napoli; Ciro Alvieri, segreteria Fiom Napoli; Maurizio Filippini, delegato Napoli Servizi; Rosa Rosario, delegata Napoli Servizi; Amedeo Breitner, sindacato pensionati Cgil; Eliana Remini, segretaria Funzione Pubblica Cgil; Jamaly Quaddar, ufficio immigrati Cgil; Nadia Corradetti, sindacato bancari Cgil; Luigi De Rosa, dipendente Comune di Napoli; Luigi Riccardi, lavoratore pulizie scolastiche Filcams Cgil; Nadia Ferro, lavoratrice Feltrinelli, Filcams Cgil; Gabriella Meligrana, dipendente Ales servizi culturali, Filcams Cgil; Luigi Nuzzi, Cgil Napoli; Guglielmo Limatola, delegato Napoli Sociale; Claudio Stupino, Napoli Servizi; Gerardo Vittoria, Napoli Servizi; Enzo Esposito, Sma Campania; Ciro Pinto, Napoli Servizi; Giuseppe (Peppe) Metitiero, Cgil Napoli; Alfonso Natale, Cgil Napoli; Gianluca Torelli, Cgil Napoli; Tiziana Assante, rsa Coop Cultura; Pina Castellano, delegata Napoli Sociale; Annamaria Castellano, delegata Napoli Sociale; Carlo Nunneri, labotarorio analisi Duomo, delegato Cgil.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest