Attacco criminale a Mosca

Uomini armati e in mimetica assaltano un teatro e sparano sul pubblico durante un concerto. Almeno 40 morti e 100 feriti

Questa sera un gruppo di uomini armati, in tenuta mimetica, ha fatto irruzione in una sala da concerti Crocus City Hall, la più grande di Mosca capace di ospitare oltre 7 mila persone e dove stava per esibirsi la rock band Picnic. Secondo alcune testimonianze, gli assalitori avrebbero lanciato anche granate o bottiglie incendiarie e poco dopo l’intero edificio si è trasformato in un rogo. Almeno 40 morti(ma il numero sarebbe destinato ad aumentare) e 100 feriti è il bilancio ancora provvisorio fornito dai servizi di sicurezza interni russi.

“Ci sono anche bambini tra le vittime” – ha confermato all’agenzia Interfax, Ksenia Mishonova, commissaria per i diritti dei minori di Mosca.

 Un centinaio di persone sono state tratte in salvo da dentro la sala o dal tetto, dove si erano rifugiate e che poi in parte è crollato a causa delle fiamme. Per spegnere l’incendio sono stati fatti alzare in volo alcuni elicotteri. Sul posto lavorano per le attività di soccorso oltre 300 persone e mobilitati 130 mezzi di soccorso.

Gli Stati Uniti hanno subito sottolineato che l’Ucraina non c’entra con l’attentato. Immediata la reazione della portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova scrivendo sul suo canale Telegram, citato dalla Tass. “Quali ragioni hanno i funzionari di Washington per dire che qualcuno non è coinvolto nella tragedia? Se gli Stati Uniti hanno o avevano dati affidabili al riguardo, questi dati devono essere immediatamente condivisi con la parte russa – ha commentato la portavoce – E se non ha informazioni, la Casa Bianca non ha il diritto di pronunciare assoluzioni nei confronti di nessuno”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest