Strage terrorista in metro a San Pietroburgo, c’è la pista kamikaze: 11 morti e 40 feriti

Inizialmente si parla di un ordigno artigianale lasciato su un vagone. Poi avanza la pista dell’attentato suicida. Nella città si teneva un vertice tra il presidente russo Vladimir Putin e quello bielorusso Alexander Lukashenko

Col passare delle ore la procura generale, dopo averlo inizialmente escluso, parla di un possibile kamikaze. Terrore in metro a San Pietroburgo, il bilancio si aggrava: sono almeno 11 i morti e 40 i feriti causati dall’esplosione. Sulle prime, per gli artificieri l’esplosione è causata “da un ordigno artigianale probabilmente lasciato su un vagone prima della partenza del convoglio”. Nella città si teneva un vertice tra il presidente russo Vladimir Putin e quello bielorusso Alexander Lukashenko. L’allarme scatta intorno alle due e quaranta ora locale – l’una e quaranta in Italia – dopo lo scoppio in un convoglio che correva in galleria, tra due diverse stazioni, la fermata del Tekhnologicheskiy Institut e la Sennaya Ploshad, E poco dopo un secondo ordigno, rudimentale, viene trovato ancora inesploso in una terza stazione, Ploshchad Vosstania. Occorrono ore per disinnescarlo. L’emittente televisiva Ren Tv diffonde l’immagine del presunto attentatore: è un uomo vestito di nero con un cappello nero e la barba. Ma l’uomo, riconoscendosi, si presenta alle autorità per dichiarare di essere estraneo ai fatti. Secondo Interfax le autorità hanno invece identificato in via preliminare un giovane proveniente dall’Asia centrale come responsabile dell’esplosione.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest