Prevenzione oncologica a scuola, al via corso Lilt di educazione alimentare

L’iniziativa all’Istituto Alberghiero “Antonio Esposito Ferraioli” di Napoli

L’iniziativa si concluderà con uno show cooking che si terrà a marzo prossimo, in occasione della celebrazione della Settimana Nazionale di Prevenzione Oncologica, presso l’istituto napoletano. Taglio del nastro all’Istituto Alberghiero “Antonio Esposito Ferraioli” di Napoli per il corso di educazione-prevenzione alimentare organizzato dalla Lilt partenopea guidata dal professor Adolfo Gallipoli D’Errico.

Dieta mediterranea, lotta allo spreco alimentare, la prevenzione e tavola e agricoltura sostenibile i temi principali che coinvolgeranno tutte le classi quinte e che saranno curati da Antonella Venezia, nutrizionista della Lilt di Napoli e dai docenti Rosita Bartone, Antonio Falco, Rita Furino, Maria Gioe’, Marisa Helvig, Sandra Molinari, Rosa Nestico, Angelo Russo e Maria Paola Sasso.

“Se vale il detto ‘chi ben comincia…’, oggi siamo già a metà dell’opera – sottolinea Antonella Venezia -: straordinaria disponibilità della dirigente scolastica, grande entusiasmo nei docenti, nel personale di cucina e, soprattutto, negli alunni. E poi, tanta attenzione per i temi che andremo a trattare. Ancora una volta questo prestigioso istituto si conferma terreno particolarmente fertile, luogo ideale per promuovere la cultura della prevenzione”.

“Come per le passate edizioni – rimarca la Dirigente Scolastica, Rita Pagano – abbiamo accolto con grande favore l’iniziativa del Presidente Gallipoli D’Errico consapevoli dell’importanza di un corretto stile di vita, di un corretto regime alimentare, tanto nella prevenzione delle patologie cardiovascolari quanto in quelle oncologiche”. “Lo scorso anno, ad esempio, concludemmo il corso con una gara di sana enogastronomia, quest’anno avremo invece uno show cooking: passiamo dunque – chiosa Rita pagano – da una sana e entusiasmante competizione ad una sana ed altrettanto entusiasmante esibizione”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest

Lascia il tuo commento