Tiziano Ferro: “Credo in un Dio simpatico” – L’angolo sticazzi

Svolta nel mondo cattolico

 

Svolta nel mondo cattolico. Tiziano Ferro corona il sogno d’amore, sposando il compagno Victor Allen, americano proprietario di un’agenzia di marketing. E subito dopo scrive al Corriere della sera, per farci sapere: “Anch’io sono cattolico. Ma il messaggio che porto nel cuore è quello dell’amore universale, della carità, del soccorso reciproco, del rispetto per tutti, della compassione”. Cioè: proprio come mostrato da molti cattolici, negli ultimi anni.  “È vero – argomenta il cantante – che l’uomo ha cercato Dio per dare un senso ulteriore alla propria esistenza. Io cerco in Lui uno sguardo di conforto, e non mi piace vederlo come il simulacro delle risposte che non so darmi, come uno scudo di fronte a quello che non capisco, o che mi fa paura”. Ma perché tanta diffidenza? Siamo certi che Dio sia lì, pronto a concedere il suo sguardo benevolo a Tiziano Ferro. “Sì, in questi ultimi anni – svela l’artista – la disparità di diritti mi ha fatto sentire deluso, amareggiato, arrabbiato”. Una crisi spirituale? Macché. “Ma io sono cattolico – insiste Tiziano Ferro-. Quindi, ho ancora fede. Il mio è un Dio che ama, che custodisce, che non chiede pegno. È un Dio simpatico”. E noi che lo credevamo un po’ musone.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest