Farinetti: “Voglio sempre bene a Renzi, ma ora voterei Zingaretti” – L’angolo sticazzi

L’indispensabile opinione sulla politica del fondatore di Eataly

Svolta per la politica italiana, ma forse mondiale: Oscar Farinetti annuncia l’endorsement per Nicola Zingaretti. Un colpaccio, per il governatore del Lazio, candidato alle primarie del Pd. “Il fondatore di Eataly, sostenitore della prima ora di Renzi – scrive l’Huffington Post -, ora confessa a “I Lunatici” di radio 2 di aver cambiato preferenze: “Continuo a voler bene a Matteo, ma Nicola Zingaretti lo voterei. Lo conosco personalmente, secondo me sarebbe un’ottima pedina. Se ci fossero le primarie ora voterei lui, senza turarmi il naso”. Infatti, siamo noi che dovremmo turarci occhi e orecchie. Ma non crediate che Farinetti abbandoni il renzismo dopo la serie terrificante di sconfitte, per saltare sul carro del prossimo vincitore. Come goni buon italiano, l’opportunismo lo ripugna. Però, qualche appunto lo muove. “Quando prendi una scoppola come quella del 4 marzo – dichiara a Repubblica – è chiaro che devi cambiare, soprattutto nel linguaggio. Zingaretti mi sembra uno che parla in modo comprensibile a tutti”. Tuttavia, il responsabile del flop non è mica Renzi.  “Non sono affatto convinto che sia stata colpa sua e del suo governo – sentenzia l’imprenditore – . Però è vero che a un certo punto il Pd è diventato antipatico”. Forse perché in tv comparivano spesso sostenitori come Farinetti.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest