Una firma per salvare le edicole: presidio a Napoli

L’iniziativa oggi in via Scarlatti al Vomero, dalle 11 alle 13, promossa da Sinagi e Slc Cgil

Una firma per salvare le edicole: questo il grido del presidio promosso oggi a Napoli dal Sinagi, il sindacato nazionale giornalai, e dalla Slc Cgil. L’appuntamento è dalle 11 alle 13 con un gazebo in Via Scarlatti al Vomero, per portare a conoscenza dei cittadini la grave situazione che affligge le edicole. All’iniziativa partecipano il segretario generale della Slc Cgil Napoli, Alessandra Tommasini, e il presidente del Sinagi Napoli, Aldo Esposito. “La categoria dei giornalai si trova da anni in una crisi profonda – afferma una nota. Eppure l’edicola è un luogo d’incontro quotidiano in tutte le città, grandi e piccole, fino ai luoghi più remoti del territorio nazionale e rappresenta un baluardo insostituibile per una stampa libera e accessibile a tutti i cittadini”.

Il sindacato sottolinea: “L’edicola dovrebbe essere il soggetto a cui l’intera Editoria dovrebbe guardare, visto che l’80% del fatturato del settore passa da qui attraverso un lavoro quotidiano che inizia anche prima dell’alba, per tutti i giorni dell’anno. Al contrario, l’Editoria grazie a finanziamenti pubblici e con politiche assurde sui prezzi di copertina sta accelerando il momento di arrivo al punto di non ritorno”.

Per questi motivi è organizzata una raccolta di firme da inviare alle massime cariche dello Stato, allo scopo di destinare alle edicole una parte del contributo pubblico all’Editoria, e di definire al più presto un nuovo accordo nazionale con gli editori.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest