Regione, protesta dei precari: “Falsa promessa i 10.000 posti, trovata elettorale Pd”

Oltre cento tra disoccupati, Lsu e Apu al sit-in dell’Usb, fuori al consiglio regionale. Nel mirino il piano lavoro del governatore De Luca, durante la presentazione all’assemblea

Piano lavoro della Regione, scatta la contestazione al governatore De Luca. In contemporanea al consiglio regionale, all’esterno è andata in scena la protesta dell’Unione Sindacale di Base, contro “la mancanza di risposte certe da parte del Governo Regionale – spiega una nota – sulla questione dei precari storici nella pubblica amministrazione”. Oltre cento tra disoccupati, Lsu e Apu hanno partecipato al sit-in organizzato “per dire basta alla politica degli annunci che destano grande attenzione, alimentando le false aspettative di migliaia di disoccupati”.

“Sono stati sottratti 106 milioni di euro al fondo sociale europeo per finanziare la campagna elettorale del governatore De Luca – dichiara Giovanni Pagano del coordinamento Apu Usb – il concorsone non garantisce l’assunzione nella pubblica amministrazione, ancora una volta si maschera il lavoro gratuito come formazione”.

Mentre De Luca era dentro la struttura per presentare il piano per il lavoro, è finito nel mirino dei manifestanti: “Vai via. Dimettiti, buffone”. Esposti cartelli contro il Pd e contro i figli del governatore, Roberto e Piero De Luca.


Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest