Trentola Ducenta, prete arrestato con l’accusa di abusi su bambina

In carcere don Michele Mottola, la piccola di 10 anni frequentava la parrocchia. Segnalazione alla procura partita dal vescovo di Aversa

Nuovo presunto scandalo pedofilia nel clero. La Polizia di Stato ha arrestato – su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord – don Michele Mottola, ex prete della parrocchia di Trentola Ducenta, nel Casertano. L’accusa è di abusi su una bambina di 10 anni che frequentava la chiesa. “Le attività investigative – spiega una nota del procuratore capo di Napoli Nord, Francesco Greco – erano iniziate a seguito di comunicazione pervenuta dalla Diocesi di Aversa e svolte attraverso l’ausilio di testimonianze, messaggi e registrazioni audio, che hanno consentito di raccogliere un grave quadro indiziario, confermato dalla vittima in sede di incidente probatorio, nei confronti dell’indagato ritenuto responsabile di abusi nei confronti della minorenne che, all’epoca dei fatti, partecipava assiduamente alle attività della parrocchia”.

La vicenda, infatti, era stata segnalata al vescovo di Aversa da un gruppo di parrocchiani, pronti ad accompagnare la madre della bambina negli uffici della Curia vescovile, per denunciare. La Diocesi aveva quindi segnalato i fatti alla magistratura. Nel maggio scorso il religioso era stato sospeso dal servizio. Il gip ha quindi accolto la richiesta della procura, disponendo la custodia cautelare in carcere. Venerdì mattina al prete è stata notificata l’ordinanza da parte degli agenti del commissariato di polizia di Aversa, delegati alle indagini.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest