Sarno: la Guardia di Finanza sequestra 2 tonnellate di olio extravergine

Il sequestro scattato dopo il controllo in un’azienda specializzata nell’imbottigliamento e nella commercializzazione del prodotto

Gli uomini della Guardia di Finanza di Scafati hanno effettuato una serie di controlli in alcune delle aziende del territorio. E proprio durante questi controlli hanno scoperto una partita di olio d’oliva che, in base alla documentazione esibita dai titolare dell’azienda, doveva essere tutto extravergine. Ma per i militari delle fiamme gialle quella gran parte delle due tonnellate di olio che era ancora stipata in due silos industriali e la partita di 200 litri, invece, già confezionata in bottiglie con l’etichetta “olio extra-vergine di oliva 100% italiano”, non sembrava proprio essere ciò che affermavano gli imprenditori. La conferma, dei sospetti avuti dai finanzieri, e quindi dell’adulterazione è arrivata dall’esame di laboratorio eseguito dall’Ufficio delle Dogane di Bari. In particolare, è stata segnalata una presenza di olio di semi oltre i rigorosi limiti posti dalla disciplina comunitaria di settore per poter etichettare “extra-vergine” l’olio di oliva che poi finisce nel carrello della spesa. E’ subito scattato il sequestro del prodotto e la denuncia dei tre responsabili alla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest