Orta di Atella, Caserta: finanzieri sequestrano 2,5 tonnellate di botti illegali, 2 arresti

Brillante operazione dei militari delle fiamme gialle di Napoli, Giugliano e Aversa

La Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato 52 mila botti pirotecnici proibiti di fabbricazione artigianale (“Cobra” e “Red Thunder”), del peso di 2,5 tonnellate, che avrebbero fruttato sul mercato circa 150 mila euro. In particolare, i militari della Compagnia di Giugliano in Campania, seguendo gli indizi dell`attività investigativa in corso, hanno scoperto, ad Orta di Atella in provincia di Caserta, con la collaborazione dei colleghi di Aversa, un deposito gestito da 2 soggetti del luogo, gravati da numerosi precedenti specifici, che si occupavano anche della loro commercializzazione. All`interno del locale, in una corte comprendente anche diverse abitazioni, a sua volta in una zona ad alta densità abitativa, la coppia aveva immagazzinato l`ingente quantitativo di botti illegali, la cui massa attiva era pari a 900 Kg., esponendo gli abitanti della zona ad un costante ed elevatissimo pericolo. Al termine dell`operazione, le Fiamme Gialle di Giugliano hanno tratto in arresto in flagranza di reato i 2 responsabili, per violazioni del Testo Unico di Pubblica Sicurezza e del Codice Penale, per detenzione, commercio abusivo ed omessa denuncia all`Autorità di materiale esplodente, ed il materiale sequestrato è stato immediatamente distrutto.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest