Legalità nei cantieri della Napoli-Bari, firmato protocollo in Prefettura

 

I lavori saranno eseguiti dalle Imprese Salini, Impregilo, Astaldi

Siglato oggi in Prefettura tra Ferrovia dello Stato, Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil un protocollo di legalità in merito alla realizzazione della variante della linea ferroviaria Napoli – Cancello. A darne notizia è il segretario generale della Fillea Cgil di Napoli, Giovanni Passaro.

“L’asse ferroviario Napoli – Bari – sottolinea Passaro – ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo del Mezzogiorno, poiché connette due aree che da sole raggiungono una quota del 40% della produzione di mercato nel meridione; senza dimenticare il significativo impatto sociale previsto”. “Con la sottoscrizione del protocollo – aggiunge Passaro – abbiamo ribadito quanto sia indispensabile e urgente chiarire regole e responsabilità. Far funzionare controlli e sanzioni coniugando la tutela dei lavoratori nel rispetto del contratto e l’interesse pubblico, in un settore sempre più spesso dilaniato da malaffare e corruzione”.

“Ma è altrettanto indispensabile – continua Passaro – innovare il settore delle costruzioni in Italia, per elevare finalmente la qualità della progettazione. Per ridurre gli impatti e scongiurare disastri ambientali con serie valutazioni preliminari. Per garantire un trasparente confronto con i territori e la più ampia informazione dei cittadini”. “Tutto questo – conclude il sindacalista – allo scopo di tenere insieme innovazione, qualità, sviluppo, occupazione, tutela dei diritti dei lavoratori, dell’ambiente e del territorio”.

La gara per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori della variante Napoli – Cancello, della nuova linea Alta Velocità/Alta Capacità Napoli – Bari  è stata assegnata da Italferr, società di ingegneria del Gruppo FS Italiane, per conto di Rete Ferroviaria Italiana, al Raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) Salini Impregilo – Astaldi per un valore di 397 milioni di euro.

La nuova linea, che faciliterà gli spostamenti da Bari verso Napoli e Roma, sarà connessa alla nuova stazione Napoli Afragola AV, attiva dal prossimo giugno, e permetterà di incrementare la rete ferroviaria nel territorio a Nord di Napoli, rendendo più agevole l’interscambio con i servizi regionali.

Il nuovo tracciato ferroviario (oltre 15 km, di cui 4 km su viadotti e 3 km in gallerie), attraverserà i territori dei comuni di Casoria, Casalnuovo, Afragola ed Acerra.
Il progetto prevede anche la realizzazione della stazione, su viadotto, a servizio del centro commerciale Le Porte di Napoli e delle nuove stazioni di Casalnuovo (in sotterranea) e Acerra, per l’interscambio con la Circumvesuviana.

La nuova linea AV/AC Napoli – Bari, dal costo complessivo stimato circa 6,2 miliardi di euro, rientra tra le opere inserite nella legge “Sblocca Italia”, percorso di accelerazione e semplificazione per la realizzazione di infrastrutture strategiche e urgenti per il nostro Paese, ed è inserita nel Corridoio ferroviario europeo TEN-T Scandinavia-Mediterraneo.

                                                                                                           Ciro Crescentini

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest

Lascia il tuo commento