Il fallimento di Mercatone Uno, 1800 dipendenti senza lavoro

I lavoratori in presidio davanti ai negozi chiusi

Shernon Holding, la società che gestiva punti vendita di Mercatone Uno, è stata dichiarata fallita. Lo rende noto la Filcams-Cgil con una nota. Il  fallimento di Shernon holding che coinvolge 1800 dipendenti  Davanti a numerosi negozi chiusi sono in corso presidi e sit-in dei lavoratori. “Il Mercatone Uno di Rubiera è stato dichiarato fallito dal tribunale di Milano il 23 maggio scorso. I dipendenti lo hanno appreso stanotte senza che nessuna comunicazione ufficiale arrivasse dall’azienda. Ora sono davanti all’azienda insieme a numerosi clienti che, nei giorni scorsi, hanno dato acconti per acquistare merce”, si legge in un post su Facebook della Cgil di Reggio Emilia. “Questo è il Paese in cui si può scoprire di aver perso il lavoro e che la propria azienda è fallita con un messaggio ricevuto all’una meno un quarto di notte. Il tutto a pochi mesi dal passaggio di consegne del marchio”.  . Già dopo i primi mesi dal passaggio dei 55 punti vendita a Shernon, ricordano le sigle sindacali, “buona parte dei soci che avevano costituito la società ad hoc per l`acquisizione, sono fuoriusciti dall`assett societario, senza destare alcun allarme da parte dei commissari che erano preposti a sovrintendere le operazioni.Col passare del tempo, la mancanza di finanziamenti e di liquidità ha fatto sì che, già negli ultimi mesi del 2018, la merce nei magazzini, e di conseguenza nei negozi, cominciasse a scarseggiare” fino ad arrivare allo scorso marzo quando i punti vendita risultavano sprovvisti di merce e la stessa non veniva più consegnata sebbene già venduta e pagata dagli acquirenti. Dopo l’annuncio della ricapitalizzazione da 20 milioni di euro entro la fine di marzo, proseguono, a metà aprile, senza darne informazione alcuna, nemmeno al Ministero dello Sviluppo, l`azienda ha presentato istanza di Concordato Preventivo presso il Tribunale di Milano. Le organizzazioni sindacali di categoria di Cgil, Cisl e Uil si sono già attivate presso il Ministero dello Sviluppo per avere un incontro in tempi brevi con l`Amministrazione Straordinaria di Mercatone e con il Curatore Fallimentare di Shernon. “È urgente ed indispensabile l`intervento del Mise per salvaguardare i lavoratori e preservare il futuro delle loro famiglie. Dopo anni di incertezza, Shernon aveva rappresentato il lumino nel quale tutti avevano riposto le loro speranze e la propria capacità di progettare un futuro” – sottolineano i sindacati.

DI MAIO ANTICIPA RIUNIONE A LUNEDI’ 27 MAGGIO – Da ministro del Lavoro non posso che essere preoccupato per la notizia della chiusura dei punti vendita Mercatone Uno in tutta Italia a causa del fallimento della Shernon Holding Srl. Ma non basta. Non è possibile che 1800 lavoratrici e lavoratori, oggi, in Italia, si ritrovino senza lavoro dal giorno alla notte e siano costretti a scoprirlo da un passaparola tra colleghi”. E’ quanto scrive Luigi Di Maio in un post sulla sua pagina Facebook.
Anche per questo ho deciso di anticipare a dopodomani, lunedì 27 maggio, il tavolo che servirà prima di tutto a salvaguardare i posti di lavoro dei dipendenti di Mercatone Uno, ma anche a fare chiarezza sulla responsabilità della proprietà nella loro gestione. Su questo mi aspetto responsabilità e collaborazione da parte di tutti. Do quindi appuntamento a tutti al tavolo ministeriale di lunedì

 

MINISTERO DELLO SVILUPPO: “PRONTI A TROVARE IMPRENDITORE ITALIANO SERIO”

Solidarieta’ ai 1800 lavoratori della Mercatone Uno che dal giorno alla notte hanno appreso dai social del fallimento dell’azienda e hanno trovato i cancelli chiusi. La solidarieta’ pero’, a questo punto, non basta. Per questo partiremo subito con la ricerca di un imprenditore italiano serio che voglia rilanciare Mercatone Uno e salvare i dipendenti che in questi anni sono stati presi in giro da millantatori stranieri, capaci solamente di trascinare l’azienda sul baratro”. Lo dice Claudio Durigon, sottosegretario al lavoro.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest