Elezioni europee, volano stracci tra de Magistris e Varoufakis

Il sindaco potrebbe rinunciare a partecipare alle elezioni europee

Nasce “Uniti con de Magistris”.  il nuovo logo che  sarà  depositato nei prossimi giorni dal sindaco di Napoli. Un cerchio bianco con contorno arancione e rosso. E’ il simbolo del “progetto politico nuovo” sul quale sta lavorando il primo cittadino partenopeo per la partecipazione alle prossime elezioni europee. La scelta, però, non sarebbe stata accolta positivamente da Yanis Varoufakis, esponente della cosiddetta sinistra greca. Stando ai soliti bene informati, ieri durante una riunione molto burrascosa sarebbero volati stracci tra Varoufakis e de Magistris. “La decisione di presentare il simbolo non è stata condivisa e concordata, è una fuga in avanti” – avrebbe urlato Varoufakis. Scontro, battaglie, competizione in nome del personalismo e del leaderismo Adirato, irritato  dalle parole dette dall’esponente greco, de Magistris avrebbe abbandonato la riunione per protesta. Dalle ultime dichiarazioni del sindaco emerge palesemente nervosismo, insofferenza nei confronti di Varoufakis.   “Ieri abbiamo fatto una riunione con diversi soggetti, è stata molto utile e sono stati fatti dei passi in avanti ma il tempo è davvero poco – ha affermato a margine di una riunione svoltasi presso la sede del suo partito – Adesso stiamo verificando se ci sono le condizioni per mettere in campo una coalizione unita per competere già alle europee: ci siamo dati il programma, questa settimana si dovrebbero definire alcuni passaggi, se riusciamo nell’impresa il 1° marzo iniziamo la campagna elettorale, altrimenti se non ci saranno le condizioni non ci sarò“. Dunque, la fascia tricolore detta le condizioni. De Magistris ha sottolinea la necessità di “sciogliere alcuni nodi” e il rischio di “fare un salto nel buio, che non possiamo fare perché governiamo una città importante e stiamo rappresentando un’esperienza di resistenza e di controffensiva nel Paese. Ieri abbiamo fatto un passo in avanti verso la possibilità di presentare una lista, ma a mio avviso non ci siamo ancora

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest