Cavalleggeri, ripetitori sui piloni funivia: contestati consiglieri Decima Municipalità

Nell’occhio del ciclone gli esponenti della maggioranza arancione, l’assessore Raffaele del Giudice e la presidente della Mostra d’Oltremare, Donatella Chiodo

I consiglieri della Decima Municipalità(Bagnoli-Fuorigrotta) non assumono una netta posizione di merito sull’istallazione di ripetitori sui tre piloni dell’ex funivia di Posillipo, ubicati nel cuore del Rione Cavalleggeri d’Aosta. Beni comuni, beni pubblici sostanzialmente privatizzati, affittati alla Tim per un importo di 10 mila euro annui, attraverso un bando, una manifestazione di interesse, alla quale ha partecipato una sola azienda.  Una scelta unilaterale, una procedura imbarazzante decisa dall’Ente Mostra d’Oltremare, azienda partecipata controllata dal Comune di Napoli e dalla Regione Campania. Una scelta che ha esautorato, delegittimato le funzioni delle istituzioni presenti sul territorio, delegittimato il ruolo del presidente e di tutti i consiglieri della municipalità,  ridicolizzato la cosiddetta “democrazia partecipata” tanto decantata dal sindaco Luigi de Magistris.  La riunione del consiglio della municipalità svoltasi stamattina a Bagnoli, si è trasformata in un teatrino della solita ‘politica politicante’,  scatenando la dura protesta di una delegazione del comitato di lotta ‘No Ripetitori’. La riunione è stata disertata dall’assessore comunale all’ambiente, Raffaele del Giudice e dalla presidente della Mostra d’Oltremare Donatella Chiodo. Entrambi regolarmente convocati dal presidente della municipalità, Diego Civitillo.  L’assenza di Del Giudice e di Chiodo è stata duramente contestata dai cittadini. E non solo.  Nell’occhio del ciclone sono finiti soprattutto i consiglieri della maggioranza arancione che non hanno preferito giocare di rimessa, attuando la politica del rinvio, utilizzando un ridicolo linguaggio politichese lontano anni luce dai problemi reali delle persone. Ambiguo il comportamento dei consiglieri e degli assessori della cosiddetta sinistra radicale, ex vendoliana e di Rifondazione comunista

A fianco del comitato di lotta si sono schierati, almeno formalmente,  i consiglieri dell’opposizione, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Verdi, Forza Italia.  La riunione si è conclusa con un nulla di fatto. Gli esponenti della maggioranza  hanno rifiutato la proposta di approvare un documento unitario esplicitando il No secco all’istallazione dei ripetitori. In merito alla questione,  i Portavoce del Gruppo “Movimento 5 stelle” Matteo Brambilla e Marta Matano  lo scorso 16  novembre 2018 hanno protocollato una richiesta urgente di una commissione congiunta Ambiente, Welfare e Infrastrutture. La richiesta è rivolta  al Presidente della commissione Ambiente  Consigliere Marco Gaudini , al Presidente della commissione Welfare  consigliere Maria Caniglia e al Presidente della Commissione infrastrutture  consigliere Gaetano Simeone. Invitati il Presidente della Mostra d’Oltremare Spa, gli Assessori, i dirigenti competenti, il Presidente della Municipalità 10 e i Comitati cittadini. I cittadini  non mollano. Intensificate  le iniziative per impedire l’installazione degli impianti e valorizzare diversamente gli storici piloni. Pronti alla mobilitazione i  collettivi, i comitati di lotta, le associazioni (Bagnoli Libera – Assemblea popolare, Napoli Area Nord Città Metropolitana,  l’associazione “Fuorigrotta, ieri, oggi e domani”.

                                                                                              Ciro Crescentini

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest